Usa. Ultimi appelli per fermare esecuzione di donna da 14 anni in braccio morte

Pubblicato il 5 febbraio 2014 19:04 | Ultimo aggiornamento: 5 febbraio 2014 19:04
Suzanne Basso e il lettino per l'iniezione letale

Suzanne Basso e il lettino per l’iniezione letale

USA, HUNTSVILLE – Ultimi appelli in Texas, dove le esecuzioni sono all’ordine del giorno, per salvare una donna di 59 anni dalla pena di morte. Senza un atto di clemenza in extremis Suzanne Basso, da 14 anni nel braccio della morte nel famigerato carcere di Huntsville, sara’ giustiziata con una iniezione letale alle 18 ora locale (l’una di notte in Italia).

L’esecuzione della pena capitale per una donna e’ un fatto alquanto raro negli Usa a paragone del numero di uomini giustiziati. Infatti che in 30 anni sono morte per mano del boia ‘solo’ 13 donne. Basso, oggi disabile, e’ stata arrestata nel settembre del 1999 per l’omicidio del suo compagno di 59 anni che soffriva di disturbi mentali. Il movente sarebbe stato quello di incassare il premio sull’assicurazione vita dell’uomo.

Il delitto fu particolarmente efferato. La donna, infatti, con la complicita’ di altre cinque persone, avrebbe torturato il compagno, provocandogli bruciature con le sigarette, frustandolo con delle cinture e colpendolo con delle mazze ferrate. Il corpo della vittima fu ritrovato abbandonato sul ciglio di una strada nei pressi di Huston. La Corte suprema ha fin qui respinto tutti i ricorsi fin qui presentati.