Usa, auto con esplosivo a Times Square. Paura a New York

Pubblicato il 2 Maggio 2010 8:03 | Ultimo aggiornamento: 2 Maggio 2010 14:56

Propano, fili bruciati, benzina: una macchina piena di esplosivo ha impaurito New York. L’auto è stata trovata a Times Square con la bomba rudimentale al suo interno, a minacciare il cuore di Manhattan.Tutta la zona, strade e teatri compresi, è stata evacuata.

L’autobomba disinnescata avrebbe potuto “fare una strage”, ha affermato il sindaco di New York, Michael Bloomberg, spiegando che se fosse esploso l’ordigno avrebbe causato “molti morti” sulla piazza affollata di turisti e spettatori dei teatri di Broadway.

“Abbiamo avuto molta fortuna, è stato evitato quello che avrebbe potuto essere un evento molto cruento”. Bloomberg ha riferito che gli artificieri hanno “confermato che il veicolo sospetto conteneva in effetti un ordigno”, che ora è stato “dinsinnescato”. La “rudimentale” bomba è stata rivenuta all’interno di uno sport utility vehicle (Suv), ha precisato ancora il sindaco in una conferenza stampa a New York affermando che le autorità al momento non hanno piste concrete: “non abbiamo alcuna idea di chi abbia fatto ciò e perché”.

Il governatore dello Stato di New York, David Paterson, ha definito l’autobomba disinnescata come “un atto di terrorismo”.

“Fortunatamente nessuno è rimasto ferito e ora la piena attenzione della citta’, dello Stato e delle forze dell’ordine sara’ rivolta ad assicurare alla giustizia i responsabili di questo atto di terrorismo”, ha affermato Paterson in una dichiarazione.

E’ stato un passante probabilmente a segnalare alla polizia e ai vigili del fuoco verso le 18:30 (00:30 in Italia), sulla 45esima strada, c’era una macchina dalla quale fuoriusciva del fumo e sul sedile posteriore c’era un pacco sospetto.

L’auto, con la targa del Connecticut, è stata isolata. Un uomo che si trovava a bordo sarebbe scappato, secondo quanto ha scritto il New York Times. In un primo momento il pericolo terrorismo era stato escluso dai federali, ma dopo alcuni esperti di Intelgroup, che si occupa di monitoraggio delle attività terroristiche, hanno tuttavia spiegato che dietro l’autobomba potrebbe esserci la mano di al Qaeda.

Il presidente americano Barack Obama ha elogiato il “rapido intervento e l’eccellente lavoro” compiuto dalla polizia di New York.