Usa. Base missili nucleari intercontinentali, due addetti sospesi per droga

Pubblicato il 14 gennaio 2014 10:48 | Ultimo aggiornamento: 14 gennaio 2014 10:48

missUSA, WASHINGTON – La sicurezza dei missili nucleari intercontinentali americani dovrebbe essere a prova di bomba, ma non lo è. Nella base di Malmstrom in Montana, dove è custodito un terzo dell’arsenale missilistico degli Usa, due ufficiali sono stati messi sotto inchiesta per “possesso di droghe illegali”. E’ l’ultimo episodio in una lunga serie di incidenti che negli scorsi mesi hanno coinvolto i militari che vigilano sui più potenti strumenti di distruzione di massa del pianeta.

Lo scorso maggio nella stessa base del Montana una squadra di manutenzione aveva trovato la seconda in comando addormentata con la porta aperta e l’aveva denunciata ai superiori. E’ stata Air Force Times, la rivista dell’Air Force, a dare la notizia dell’ultima inchiesta: ai due addetti ai missili è stata sospesa la ‘clearance’ che consentiva di accedere a informazioni segretissime.

La base di Malmstrom non è comunque la sola che ha creato imbarazzo alle Forze Armate incaricate di occuparsi dei missili: in aprile nella base di Minot, nel Nord Dakota, mentre uno dei due addetti ai missili dormiva, il suo compagno ha lasciato entrare il cuoco che era venuto a portare i pasti: una grave violazione delle norme di sicurezza, ed entrambi i militari sono stati sospesi dalle loro funzioni.

Sempre a Minot, tre mesi prima, a 17 ufficiali era stato ritirato il certificato perchè non erano abbastanza preparati a condurre le operazioni di lancio. Ci sono poi i casi che riguardano i vertici: a fine 2012 il generale Michael Carey, responsabile dell’unità dell’Air Force a cui fanno capo 450 missili nucleari balistici, era stato sollevato dall’incarico “per motivi personali”, mentre il vice ammiraglio Tim Giardina, numero due del Comando Strategico degli Stati Uniti (Us StratCom) era stato licenziato per aver falsificato le ‘chip’ del poker.

In nessuno di questi casi d’altra parte, secondo le fonti ufficiali, non è mai stata compromessa la sicurezza de missili ma la catena di incidenti rivela una debolezza intrinseca. Come ha detto durante una visita alla base missilistica Icbm di Warren, nel Wyoming, il ministro della Difesa americano Chuck Hagel, i militari appartenenti alle forze strategiche dovrebbero essere consapevoli di avere scelto “una professione nella quale non si ha diritto all’errore”.

Privacy Preference Center

Necessari

installato da wordpress di default, non vengono utilizzati in alcun modo

wordpress

Advertising

Analytics

Utilizzati per stimare il traffico del sito

_ga,_gat,_gid,WT

Other