Usa, bimbo di 11 anni uccise la fidanzata del padre: rischia l’ergastolo

Pubblicato il 15 Marzo 2010 22:32 | Ultimo aggiornamento: 15 Marzo 2010 22:32

Sarà giudicato come un adulto e rischia l’ergastolo un bambino di 11 anni, Jordan Brown, che ha ucciso la fidanzata del padre, una ragazza di ventisei anni, incinta di otto mesi, a colpi di pistola.

La tremenda storia è accaduta in una fattoria vicino a Wampum, un piccolo centro della Pennsylvania. Il ragazzo dovrà rispondere dell’accusa di omicidio volontario plurimo aggravato.

Tutto è accaduto nella prima mattinata, mentre la ragazza stava ancora dormendo. Il padre del ragazzino era fuori quando Jordan, forse in preda a un raptus di gelosia, ha aperto il fuoco. Quindi è uscito e ha preso l’autobus per andare a scuola come se niente fosse successo.

A dare l’allarme la figlioletta della vittima.

Sulle prime il bambino ha detto di aver visto una macchina nera sospetta parcheggiata fuori casa, ma la descrizione di questa vettura era talmente strampalata che gli agenti, dopo qualche ora di ricerche, si sono insospettiti e hanno continuato a interrogarlo.

Pare che non abbia ammesso nulla, però ad inchiodarlo è stato il ritrovamento nella sua stanza dell’arma con cui è stato compiuto l’omicidio. La polizia ha scoperto da alcuni vicini che Jordan era abituato a sparare con il padre per divertimento su alcuni barattoli nel retro della casa.