Usa. Blinken, oltre 10 mila jihadisti uccisi da coalizione internazionale

Pubblicato il 4 Giugno 2015 11:07 | Ultimo aggiornamento: 4 Giugno 2015 11:07
Militanti dell'Isis

Militanti dell’Isis

USA, WASHINGTON – Oltre diecimila militanti dell’ Isis sono stati uccisi da quando la coalizione internazionale ha lanciato la sua campagna contro il Califfato in Iraq e in Siria. Lo ha affermato il vice segretario di stato Usa, Antony Blinken, dopo l’incontro a Parigi dei ministri degli Esteri della coalizione.

Blinken ha poi affermato che ci sono stati molti progressi nella lotta contro i jihadisti, anche se il gruppo e’ rimasto flessibile e in grado di prendere l’iniziativa.

Parlando alla radio France Inter, il vice segretario di stato ha poi precisato: “Ci sono state molte perdite all’interno dello Stato Islamico a partire dall’inizio della campagna, oltre 10.000, e questo finira’ per avere un impatto”. Blinken ha affermato che “ci sono stati passi avanti reali” dall’inizio della campagna della coalizione.

In Iraq “l’Isis ora controlla il 25% in meno del territorio e ha perso un numero significativo di uomini e mezzi”. “Questa sara’ una campagna lunga, ma ce la faremo se rimaniamo uniti, determinati e concentrati – ha spiegato – e noi siamo uniti, determinati e concentrati. La coalizione e’ il mezzo piu’ efficace per raggiungere i nostri obiettivi”.