Usa, “convive”: niente comunione al governatore Cuomo

Pubblicato il 26 Aprile 2011 16:30 | Ultimo aggiornamento: 26 Aprile 2011 16:30

Andrew Cuomo

ROMA – Il Governatore dello Stato di New York, Andrew Cuomo, un italo-americano di religione cattolica, non può e non deve fare la comunione perché vive con la sua fidanzata, Sandra Lee, senza essere sposato.

Come scrive il New York Times, questa è la posizione di un consigliere di alto livello del Vaticano, Edward Peters, condivisa anche dal cardinale Raymond Burke, ex arcivescovo di St.Louis, in Missouri, e soprattutto presidente del Tribunale Supremo della Segnatura Apostolica, il massimo tribunale della Chiesa Cattolica di cui lo stesso Peters è consulente.

Sempre secondo il Nyt, Cuomo, figlio dell’ex governatore Mario, primo cittadino dell’Empire State dall’inizio dell’anno, ha un conflitto di interessi da risolvere. Uno dei suoi più stretti collaboratori e amico personale, Jeffrey Sachs, consigliere per le questioni di sanità, lavora come consulente per alcuni grandi ospedali di New York, come il Mount Sinai o il Nyu Langoner Medical Center.

Sachs, che non si è mai ufficialmente registrato come lobbista, sostiene di avere congelato i rapporti con gli ospedali in questione fin quando lavorerà per l’Amministrazione Cuomo, ma lo avrebbe fatto soltanto una volta avviata l’inchiesta del Times.

Nel suo blog Peters, professore al seminario del Sacro Cuore di Detroit, in Michigan, ha definito la situazione di Cuomo, che divorziò da Kerry Kennedy (una delle figlie di Bob da cui ha avuto tre figlie) nella 1993, un ‘‘concubinaggio pubblico’‘.

Rispondendo a una domanda scritta su un blog cattolico conservatore, Peters scrive che ”il governatore, in totale libertà, sta agendo pubblicamente in violazione delle aspettative morali fondamentali della Chiesa. Accettare la sacra comunione è obiettivamente un sacrilegio” nel suo caso. E ”se Cuomo si avvicina alla santa comunione – chiosa il consulente vaticano – l’augusto sacramento dovrebbe essergli rifiutato”.

Peters, nominato consulente della Segnatura l’anno scorso da papa Benedetto XVI, ce l’ha in particolare con il vescovo di Albany, Howard Hubbard, che ha presieduto la messa di insediamento di Cuomo – presenti la Lee, star delle rete via cavo Food Network, e le di lui tre figlie – il 2 gennaio.

Burke aveva criticato in passato anche il presidente degli Stati Uniti Barack Obama per le sue posizioni non sfavorevoli all’aborto, come anche i cattolici che non rifiutano l’interruzione volontaria di gravidanza e si dicono favorevoli ai matrimoni tra persone dello stesso sesso.