Usa, donna di 91 vive in casa col cadavere del marito e della sorella

Pubblicato il 10 luglio 2010 0:14 | Ultimo aggiornamento: 11 luglio 2010 11:30

Jean Stevens

Jean Stevens è rimasta vedova da più di dieci anni ed ha conservato per molto tempo il corpo del marito in casa.

La signora, 91 anni, vive in Pennsylvania. Quando è stata scoperta dalla polizia ha spiegato di non sopportare il distacco: “Quando seppellisci qualcuno è un addio. Non puoi più toccare e parlare con i tuoi cari morti”. Per questo Jean ha deciso che non poteva lasciare suo marito in quella bara e se lo è riportato a casa.

Non si sa ancora come abbia fatto, ma è riuscita a rientare in possesso della salma, che da allora lo ha conservato in casa. Ha spiegato che così poteva “parlare con lui”: “Sono estremamente claustrofobica – ha spiegato – e non potevo sopportare che mio marito rimanesse in quella piccola bara sotto terra”. Non sono emersi dettagli su come abbia conservato il corpo senza che questo fosse scoperto, e soprattutto su come abbia potuto passare inosservata mentre lo diseppelliva e trasportava nella sua abitazione.

L’alternativa al cimitero però ha funzionato, tanto che quando la sorella gemella di Jean è morta, l’anziana signora ha fatto lo stesso anche con il suo corpo. Portata a casa la salma, l’ha sistemata in una stanza inutilizzata della casa, vicino alla sua camera da letto. Il corpo del marito invece giaceva già da anni in garage, seduto su un divano.

La polizia non crede che la signora abbia agito da sola e ha già diversi sospsetti sui complici. Ora Jean rischia il carcere, anche se per ora non c’è stata alcuna denuncia. Il procuratore distrettuale ha specificato che alcune cose in questa storia “non sono del tutto legali”, ma ha specificato che Jean potrebbe mettersi in regola costruendo una cripta nella sua proprietà, dove potrebbe conservare i corpi come era sua desiderio.