Usa, 36enne strangolata da un pitone a casa dello sceriffo: nell’abitazione 140 serpenti

di Caterina Galloni
Pubblicato il 5 Novembre 2019 6:36 | Ultimo aggiornamento: 4 Novembre 2019 19:48
Usa, 36enne strangolata da un pitone a casa dello sceriffo: nell'abitazione 140 serpenti

Un pitone reticolato (Foto archivio Ansa)

INDIANAPOLIS – La 36enne Laura Hurst potrebbe essere morta strangolata da un pitone reticolato lungo circa 2,5 metri: è quanto sostiene la polizia che nell’abitazione, di proprietà dello sceriffo della contea di Benton, Donald E. Munson, ha scoperto altri 140 serpenti. Hurst è stata trovata svenuta sul pavimento di casa con il pitone ancora stretto intorno al collo, il che potrebbe essere la causa del decesso ma la polizia ha riferito che sta aspettando i risultati dell’autopsia.

La pagina del profilo Facebook indica che la donna era madre di due figli e ci sono le foto del suo matrimonio celebrato nel 2012.
Il Lafayette Journal & Courier nel 2001 aveva riportato che Munson a una scuola elementare di Oxford aveva mostrato un pitone lungo circa 4 metri, del peso di 20 kg e riferito agli scolari che nel garage allevava 52 serpenti che poi vendeva.

I pitoni reticolati spesso provengono da paesi dell’Asia sud orientale, dall’Africa sub-sahariana e dall’Australia. E’ il serpente più lungo del mondo, può arrivare fino a nove metri; il più grande in cattività è stato trovato a Kansas City nel 2011, era lungo 7,62 metri.

Fonte: Daily Mail