Usa: frode fiscale da 1,7 milioni di dollari, condannato capitano della Marina

Pubblicato il 8 Febbraio 2011 8:04 | Ultimo aggiornamento: 8 Febbraio 2011 8:40

CALIFORNIA – Un capitano della Marina statunitense è stato condannato a sei anni di carcere per una frode di quasi 1,7 milioni di dollari su contratti per forniture militari alle truppe americane in Iraq. Lo ha rivelato una fonte giudiziaria. Eric Schmidt, 40 anni, è stato dichiarato colpevole per una frode commessa nel 2008, epoca in cui era stato assegnato a una base Usa in Iraq.

Secondo i documenti presentati in udienza, l’ufficiale, trasferito in una base in California al suo ritorno dall’Iraq, aumentava i costi dei beni acquistati per conto dell’esercito da una società irachena, la Al-Methwad Company, per intascare i soldi in eccedenza. Sua moglie, Janet Schmidt, è stata dichiarata colpevole di frode fiscale. Nel corso delle indagini, gli agenti hanno sequestrato alla coppia due immobili in California, due veicoli di lusso e circa 40 mila dollari in contanti.