Usa. Giustiziato omicida con iniezione letale, per difesa era malato di mente

Pubblicato il 28 Gennaio 2015 10:04 | Ultimo aggiornamento: 28 Gennaio 2015 10:04
Warren Lee Hill

Warren Lee Hill

USA, JACKSON – Un uomo condannato per l’uccisione di un compagno di detenzione è stato giustiziato nello stato della Georgia, nonostante che i suoi avvocati sostenessero che era un disabile mentale.

Warren Lee Hill, afroamericano di 54 anni, è stato ucciso mediante iniezione letale nella prigione di Jackson.

Hill era stato all’inizio condannato all’ergastolo per l’uccisione della sua fidanzata nel 1985. Nel 1990 aveva ucciso il suo compagno di cella, Joseph Handspike, e per questo era stato condannato a morte.

In tre occasioni i giudici avevano sospeso l’esecuzione a seguito di ricorsi. Martedi la Corte Suprema ha respinto l’ultima richiesta di sospensione.