Usa, Independence Day/ Un serial killer semina il terrore in una cittadina della Carolina del Sud

Pubblicato il 4 Luglio 2009 11:09 | Ultimo aggiornamento: 4 Luglio 2009 11:09

Oggi in America si celebra l’Independence Day, la festività più importante della repubblica a stelle e strisce, e tutti hanno un gran daffare nell’incontrare amici e parenti, fare picnic sulle spiagge e organizzare barbecues in giardino innaffiati da fiumi di birra. Tutti meno i terrorizzati residenti di Gaffney, una fino a poco tempo fa tranquilla cittadina della Carolina del Sud, ora in preda alla paura di un serial killer che va in giro ammazzando la gente, a quanto riferisce The Huffington Post.

Tutti sono tappati in casa in attesa che la polizia riesca a identificare e acciuffare il serial killer, che colpisce indiscriminatamente. ”Sì”, ha ammesso lo sceriffo della Contea Cherokee, Bill Blanton, ”per le nostre strade si aggira un serial killer”.

Allo stato dei fatti lo sceriffo e i suoi uomini brancolano nel buio. Tutto quello che hanno per le indagini è una sorta di identikit che mostra un uomo bianco con gli occhi azzurri, sui 35-40 anni, con in testa un cappello da baseball. Qualcuno ha anche descritto quella che potrebbe essere la sua automobile, ma non è sicuro.

Le ultime vittime sono state ritrovate giovedi in un negozio di mobili ed elettrodomestici, vicino al centro di Gaffney, crivellati di proiettili. Il proprietario, Stephen Tyler, 45 anni, la moglie, una figlia ed un impiegato. La figlia più giovane, 15 anni, è stata seriamente ferita e lotta tra la vita e la morte in ospedale.

Il giorno prima, a circa una decina di km, sono stati ritrovati i corpi di Hazel Linder, 83 anni, e della figlia cinquantenne, Gena Linder Parker, legate e uccise a rivolverate nella loro casa.

”Non voglio correre rischi”, ha dichiarato a The Huffington Post Tanya Phillips, 32 anni, madre di due figli. ”Faccio in fretta qel che devo fare durante il giorno, ma all’imbrunire ci chiudiamo in casa”.