Usa, Jacob non ce l’ha fatta: è morto il bimbo malato di neuroblastoma che fece “anticipare” il Natale

di redazione Blitz
Pubblicato il 21 novembre 2017 14:50 | Ultimo aggiornamento: 21 novembre 2017 14:50
jacob-morto-natale

Usa, Jacob non ce l’ha fatta: è morto il bimbo malato di neuroblastoma che fece “anticipare” il Natale (Foto da Facebook)

PORTLAND – Non ce l0ha fatta il piccolo Jacob, il bimbo americano di 9 anni malato terminale di neuroblastoma che aveva commosso il mondo dopo che i genitori avevano fatto appello perché ricevesse le cartoline di Natale in anticipo, prima della morte.

La notizia della morte di Jacob è stata diffusa dalla famiglia, che ha anche ringraziato tutti coloro che hanno mandato cartoline, che hanno “dato gioia a Jacob e ottimismo a tutti noi”.

Jacob era ricoverato al Barbara Bush Children’s Hospital, nel Maine, e per esaudire il suo ultimo desiderio medici e infermieri dell’ospedale avevano decorato il reparto e fatto festa come se davvero fosse stato Natale. Ma subito dopo i festeggiamenti, svolti l’11 novembre, Jacob è peggiorato e una settimana dopo, il 19 novembre, è morto.

In un commovente post su Facebook la famiglia di Jacob scrive:

“È con cuori pesanti che condividiamo la notizia della morte di Jacob. Domenica, 19 novembre 2017, a soli 9 anni, è morto pacificamente dopo la sua battaglia di quattro anni con il neuroblastoma. Speriamo che la storia di Jacob e l’enorme sostegno ricevuto da tutto il mondo avranno un impatto duraturo sulla sensibilizzazione riguardo a questa malattia. Ogni persona che ha scritto a Jacob una cartolina di Natale, mandato un regalo, un messaggio, un video o una preghiera ha fatto la differenza negli ultimi giorni della sua vita. Avete portato gioia e ottimismo per il futuro. Grazie per averci dedicato del tempo e per esservi interessati al suo cammino. Purtroppo, ci sono molti altri come lui che speriamo continuerete ad aiutare. Fate qualcosa per gli altri, donate sangue o plasma, usate i vostri talenti per portare riparo, nutrimento o gioia a chi ha bisogno in onore di Jacob”.