Usa. Joselyn martinez, l’attrice che trova il killer del padre dopo 27 anni

Pubblicato il 11 Giugno 2013 22:57 | Ultimo aggiornamento: 11 Giugno 2013 22:57
Usa. Joselyn martinez, l'attrice che trova il killer del padre dopo 27 anni

Usa. Joselyn martinez, l’attrice che trova il killer del padre dopo 27 anni

NEW YORK – Joselyn Martinez ha trovato l’uomo che uccise il padre Jose 27 anni fa. Smessi i panni dell’attrice e cantautrice di New York, la Martinez ha vestito quelli del detective per trovare Justos Santos, il killer che viveva ormai a Miami, in Florida, e che lavorava come direttore d’impresa. Santos 27 anni fa uccise il padre di Joselyn e lei non si diede pace: dopo otto anni di indagine l’attrice ha trovato il numero di telefono e l’indirizzo del sospetto e li ha passati alla polizia, che lo ha arrestato.

La Martinez ha dichiarato al Daily News: “Sapendo che persona era mio padre, non potevo permettermi di vivere serenamente se (Santos) fosse rimasto in libertà”. Si tratta di una donna che ”è come dinamite. Ha fatto un lavoro magnifico nel rintracciare questo tizio. In pratica, è stata lei che ha risolto il caso”, ha detto una fonte giudiziaria citata dallo stesso giornale.

Il 22 novembre 1986 Santos, che allora aveva 16 anni, entrò con un paio di amici nel ristorante che Jose Martinez gestiva a New York e cominciò a fare pensanti apprezzamenti sessuali su sua moglie, che era lì. L’uomo, che aveva 41 anni, si mosse per difenderla e, secondo quanto riferirono dei testimoni, Santos estrasse una pistola e gli sparò a bruciapelo.

Da allora Joselyn, che quel giorno aveva appena 9 anni, non si è data pace e nel 2006 ha iniziato le ricerche via internet, partendo dai social forum, senza però fare passi avanti. Nel 2008 si è quindi abbonata ad un sito chiamato Background.com e per la prima volta, una notte, il nome di Santos venne fuori.

Incoraggiata, Joselyn si è quindi abbonata ad altri siti per la ricerca di persone scomparse, tra cui USA-Peopleseach.com, Peoplelookup.com and Intelius.com. E tutti avevano il suo nome. ”Avevano il suo telefono e il suo indirizzo”, ha raccontato Joselyn, aggiungendo che di certo Santos ”avrà pensato che la storia era chiusa, avrà pensato di averla fatta franca”. Ma evidentemente si sbagliava.