Usa, l’amara vendetta di una ex: cucina e si mangia i pesciolini rossi del vecchio ragazzo

Pubblicato il 13 Ottobre 2009 11:44 | Ultimo aggiornamento: 13 Ottobre 2009 11:44

Ricordate il film “Un pesce di nome Wanda” in cui l’improbabile ladro di gioielli Kevin Kline mangia i pesci rossi del suo amico per farsi dire dove fosse nascosta la refurtiva? Ebbene una storia simile, ma con il movente della vendetta, è successa negli Stati Uniti, a Pasadena, in California.

Una donna, reduce da una travagliata relazione ha infatti deciso di entrare in casa dell’ex ragazzo, prendere tutti i suoi amatissimi pesci rossi, sette per la precisione, e mangiarseli, ma diversamente da quanto fatto da Kevin Kline nel film, li ha prima fritti.

La coppia, da poco separata, era in piena discussione sulla spartizione dei beni. Quando la polizia, chiamata da non si sa chi, è entrata nella casa, ha visto la donna che in cucina era intenta a cucinare. La ragazza, vedendo gli agenti, gli ha offerto 3 pesci su un piattino, spiegando che gli altri 4 li aveva già mangiati.

Un’amara vendetta visto il legame affettivo che c’era tra l’ex ragazzo ed i suoi pesci rossi, ma Vance Mitchell, portavoce del dipartimento di polizia di Pasadena ha spiegato che il reato non sussiste in quanto i pesciolini sono considerati di proprietà comune.