Usa/ L’amministrazione di New york paga voli di sola andata per i senzatetto che vogliono tornare nei paesi d’origine. Polemiche

Pubblicato il 29 Luglio 2009 10:26 | Ultimo aggiornamento: 29 Luglio 2009 10:52

L’America della crisi cerca di risparmiare su tutto, anche sui senzatetto. Così, l’amministrazione di New York ha deciso di pagare il biglietto aereo di sola andata per  rispedire ai luoghi di provenienza tutti quelli che, perso il lavoro, rischiano di trovarsi in mezzo ad una strada.

Dal 2007 gli ex newyorkesi rimpatriati sono già 550. Disparate le destinazioni, da Johannesburg a Orlando, passando per San Juan. Una spesa che in realtà è un risparmio cospicuo per la “Grande Mela” visto che il programma di ammortizzatori sociali per i senza casa costa circa 36.000 dollari a famiglia l’anno. Decisamente più economico quindi, spenderne subito qualche migliaio in biglietti aerei.

La maggior parte dei “rimpatriati” sono newyorkesi di lungo corso, messi in ginocchio dalla crisi e persino contenti di poter ritornare nei luoghi d’origine. Altri sono immigrati arrivati da poco che non ce l’hanno fatta a trovare un lavoro, o, semplicemente, ad adattarsi ai ritmi della metropoli statunitense.

Non tutti, però, sono d’accordo. Arnold S. Cohen, presidente di un’associazione di senzatetto parla di un’operazione di cosmetica: «Tutto quello che si fa è trasferire il problema da una città all’altra senza preoccuparsi minimamente delle ragioni per cui queste persone erano arrivate in città».

Il programma, che ha un costo di 500.000 dollari,  va avanti.  Fino a questo punto, la Autin Travels, l’agenzia cui si appoggia la città per i trasferimenti, ha portato famiglie in 24 nazioni e 5 continenti. I più gettonati: Florida, Georgia e Porto Rico.