Usa, liberati due fratelli dopo 31 anni nel braccio della morte: “Innocenti”

di Redazione Blitz
Pubblicato il 4 settembre 2014 13:24 | Ultimo aggiornamento: 4 settembre 2014 13:24
Leon Brown (a sinistra) e Henry McCollum

Leon Brown (a sinistra) e Henry McCollum

ROMA – Dopo 31 anni in carcere, e nel braccio della morte, il giudice ha liberato Henry McCollum e il fratellastro Leon Brown: “Sono innocenti”. Non furono loro a violentare e uccidere Sabrina Buie, 11 anni, nel 1983 e non c’erano prove sufficienti per incriminarli. Il giudizio che ha rimesso in libertà i due fratellastri è arrivato però a distanza di oltre 3 decenni: è successo nel North Carolina, Stati Uniti.

I due fratellastri hanno passato tutto questo tempo chiusi nel braccio della morte di Raleigh, prigione centrale dello Stato. A distanza di così tanto tempo un ulteriore test del Dna ha rilevato una traccia diversa sulla scena del crimine: su un mozzicone di sigaretta lasciato vicino al cadavere della bambina non c’era traccia dei due fratellastri ma di un altro uomo. Nessuna traccia dei due fratellastri nemmeno sul corpo della vittima. E così dopo 31 anni sono stati liberati due tra i carcerati più a lungo trattenuti in un braccio della morte.

Il caso dei due fratelli è stato molto seguito negli Stati Uniti: i due, che all’epoca dei fatti avevano 15 e 19 anni, firmarono in fretta una confessione, impauriti dai poliziotti. Non solo: venne dimostrato che avevano un livello piuttosto basso di quoziente intellettivo, insomma non erano perfettamente in grado di intendere e volere.