Usa. Minacce a nipote Obama, allerta sicurezza a match basket

Pubblicato il 24 Marzo 2015 8:42 | Ultimo aggiornamento: 24 Marzo 2015 8:42
Leslie Robinson

Leslie Robinson

USA, WASHINGTON – E’ scattato immediato il dispositivo di sicurezza tra gli spalti durante una partita di basket femminile lunedi dopo che minacce sono state rivolte alla nipote di Barack Obama, tra le giocatrici nella squadra dell’Universita’ di Princeton. La studentessa e giocatrice della squadra dell’ateneo, Leslie Robinson, e’ figlia di Creig Robinson, fratello di Michelle Obama.

Le minacce sono state recapitate tramite un messaggio vocale lasciato al numero del dipartimento di atletica dell’Universita’ del Maryland, dove le giocatrici di Princeton erano in trasferta per disputare una partita del prestigioso e seguitissimo campionato Ncaa.

Il messaggio, lungo otto minuti, faceva riferimento proprio alla presenza di Leslie nel campus e, stando a Usa Today, una voce femminile segnalava la presenza di un uomo armato collegando l’episodio alla partecipazione al torneo di Leslie.

La ragazza, al primo anno di universita’, non era al corrente della telefonata. Lo era invece la sua allenatrice, Courtney Banghart, che ha definito l’episodio come uno scherzo di cattivo gusto, ma Leslie per questa volta non e’ scesa in campo.

Agenti in borghese si sono mimetizzati con il pubblico, sugli spalti, nei pressi della panchina del Princeton dove, oltre ai poliziotti undercover era visibile anche un servizio di sicurezza piu’ massiccio del solito, anche per la presenza dei giudici della corte suprema Sonia Sotomayor ed Elena Kagan. Lo  scorso sabato tra il pubblico c’era il presidente degli Stati Uniti in persona che non ha invece assistito all’incontro di lunedi.