Cronaca Mondo

New York, sparatoria a Harlem: un morto e sei feriti

Sparatoria a Harlem, in mezzo alla strada. La polizia ha confermato solo oggi che la notte scorsa, in un conflitto a fuoco scoppiato  dopo un litigio, un giovane di 22 anni è stato ucciso e altre sei persone sono rimaste ferite, tra cui tre passanti e due agenti di polizia.

Le versioni fornite non coincidono. La polizia ha riferito che ad aprire il fuoco è stato Angel Alvarez, 23 anni, con numerosi precedenti penali, il quale ha ferito mortalmente un coetaneo, Luis Soto, 22 anni. I due avrebbero litigato per una ragazza. Quando i primi agenti sono cominciati ad arrivare sul posto, tra Alvarez e la polizia si è scatenato un conflitto a fuoco in mezzo alla strada, al punto che sono stati trovati sul posto oltre cinquanta bossoli.

Secondo quanto riferito al New York Times da alcuni testimoni oculari, le cose sarebbero invece andate diversamente. Sarebbe stata solo la polizia a sparare perché quando gli agenti sono giunti a Lenox Avenue Alvarez non era armato.

Resta il fatto che nella concitazione degli spari sei persone sono state ferite: lo stesso Alvarez, che è ricoverato in ospedale in gravi condizioni, due agenti di polizia e tre passanti.

La polizia nel suo rapporto ha chiarito che a sparare è stato il giovane armato e che è stato lui a ferire i due agenti. Ma il New York Times avanza dubbi, sottolineando come i bossoli trovati sul luogo della sparatoria siano quasi tutti della polizia. Molti residenti della zona hanno riferito al giornale che la polizia ha agito in modo inappropriato, per esempio puntando la pistola contro un passante che era a terra perché appena stato ferito.

To Top