Usa. Rapisce neonata da ospedale e la alleva come finta madre per 23 anni

Pubblicato il 31 luglio 2012 12:16 | Ultimo aggiornamento: 31 luglio 2012 12:16

Anne Pettway

NEW YORK, STATI UNITI – Una donna che aveva rapito una neonata in un ospedale di New York nel 1987 e l’aveva allevata come sua figlia fino al 2011 è stata condannata a 12 anni di prigione.

Anne Pettway, 50 anni, con problemi mentali, si era travestita da infermiera e aveva rapito Carlina White all’ospedale di Harlem, un quariere di New York. Anni dopo Carlina aveva avuto i primi sospetti quando la madre non le aveva dato il certificato di nascita e aveva finito per rivolgersi al Centro nazionale per bambini scomparsi, che ha ritrovato i veri genitori.

Il giudice Kevin Castel, pronunciando la pena, ha commentato che i genitori della giovane hanno vissuto un “vero incubo”. Poco prima, nel corso di un’udienza emozionante, l’imputata aveva detto ai veri genitori che era “profondamente desolata”. I genitori biologici, una coppia di afroamericani oggi separati, hanno raccontato i momenti orribili che hanno vissuto da quando la loro bambina era sparita nel 1987, e i 23 anni di sofferenza che sono seguiti.

“Sono spezzata in un milione di pezzi”, ha detto la vera madre, Joy White, descrivendo i problemi d’identità di sua figlia, che è stata allevata da un’altra donna. Il padre, Carl Tyson, si è rivolto duramente all’accusata (anch’essa afroamericana) nel corso della sua testimonianza: “Per 23 anni, Ann, lei mi ha fatto soffrire. Lei ha messo una pietra nel mio cuore”.

Carlina White era sparita il 4 agosto del 1987 dall’ospedale di Harlem, dove era stata ricoverata d’urgenza per una forte febbre. Aveva solo 19 giorni e non era mai stata ritrovata. Ann Pettway, che in precedenza aveva avuto tre false gravidanze, si era travestita da infermiera e l’aveva rapita dal lettino del reparto. Carlina era stata allevata col nome di Nejdra ‘Netty’ Nance prima a Bridgeport, nel Connecticut, e poi ad Atlanta.

La giovane ha raccontato che la falsa madre si drogava e la maltrattava. Carlina aveva avuto i primi sospetti a 16 anni, quando era rimasta incinta ed Ann non era stata in grado di fornirle un certificato di nascita per ottenere l’assistenza pubblica. Messa alle strette, Pettway le aveva raccontato di non essere sua madre e che la vera genitrice l’aveva affidata a lei quando era neonata.

‘Netty’ aveva cominciato a cercare la sua vera identita su internet, ma senza successo. Poi nel dicembre 2010 si è rivolta al Centro nazionale per i bambini scomparsi e sfruttati, che nel gennaio successivo è riuscito a risalire ai veri genitori. L’identificazione è stata poi confermata dal Dna.

Privacy Preference Center

Necessari

installato da wordpress di default, non vengono utilizzati in alcun modo

wordpress

Advertising

Analytics

Utilizzati per stimare il traffico del sito

_ga,_gat,_gid,WT

Other