Usa/ Sparatoria in una palestra in Pennsylvania. Cinque morti e almeno 15 feriti, tra cui l’ex fidanzata dell’assassino. Dopo aver sparato l’uomo si sarebbe tolto la vita

Pubblicato il 5 agosto 2009 8:59 | Ultimo aggiornamento: 5 agosto 2009 10:21

pittsburghGli Stati Uniti vengono macchiati dall’ennesima tragedia delle armi. Cinque persone sono morte e altre 15 sono rimaste gravemente ferite in una sparatoria avvenuta martedì sera verso le 20.15 in un fitness center a Bridgeville, nella  periferia di Pittsburgh, in Pennsylvania. La città che in settembre dovrà ospitare il G20 sull’Ambiente.

Un uomo, vestito con i pantaloni sportivi, piccolo, rasato, di razza caucasica, si è avvicinato a un angolo della sala dove una trentina di ragazze stavano ultimando la lezione di aerobica. Poi, ad un tratto, ha buttato per terra la sua borsa, ha estratto una mitraglietta, spento la luce e cominciato a sparare all’impazzata.

Secondo quanto detto dal capo della polizia, Charles Moffatt, tra le vittime ci sarebbe anche un uomo, probabilmente lo stesso omicida. Alcuni testimoni hanno raccontato che tra le persone ferite ci sarebbe anche la ex fidanzata dell’assassino.

Richard Walker, un testimone di 23 anni, che al momento della sparatoria stava giocando a basket nella palestra di  Bridgeville, racconta al New York Times di aver visto decine di ragazze e ragazzi uscire di corsa dalla palestra terrorizzati e una donna, colpita da un proiettile ad una coscia, collassare davanti a lui.

«La donna ha iniziato a ripetere “Mi ucciderà, mi ucciderà, mi ucciderà”» e alcune persone hanno assicurato che quella donna era proprio la ex fidanzata dell’assassino.