Obesità, studio. 20% popolazione Usa in forte sovrappeso

Pubblicato il 6 settembre 2014 10:38 | Ultimo aggiornamento: 6 settembre 2014 10:38
Donna sovrappeso

Donna sovrappeso

USA, PRINCETON – L’indice di obesità negli Stati Uniti supera il 20% sul totale della popolazione. E quanto dimostra ‘The States of Obesity’, lo studio condotto dalla Robert Wood Johnson Foundation (Rwjf) di Princeton, New Jersey, che ha disegnato una mappa degli stati più ‘grassi’ d’America e stilato una classifica.

Secondo i dati diffusi dalla Fondazione, Mississippi e West Virginia occupano i gradini più alti: il loro tasso di obesità è del 35,1%. Il Colorado, con il 21,3%, si colloca all’ultimo posto. I dieci Stati con i più alti tassi di obesità si trovano nel sud e nel Midwest.

Le macro aree del nord-est e occidentali hanno, invece, la maggior parte degli stati con i tassi più bassi di obesità. Tra il 2012 e il 2013, sei stati (Alaska, Delaware, Idaho, New Jersey, Tennessee e Wyoming) hanno mostrato aumenti statisticamente significativi di obesità in età adulta. Nel 1990, si legge nella relazione, il tasso di obesitàù più alto era il 15% e fu registrato in Mississippi, stato che oggi si attesta al 35,1%.

Oltre alla distribuzione geografica, lo studio prende in considerazione anche l’aspetto anagrafico e quello etnico. ”Questa relazione – scrivono Risa Lavizzo-Mourey, presidente Rwjf e Jeffrey Levi, direttore esecutivo della Trust for America’s Health – è un appello urgente per la nostra nazione e un passo essenziale per la costruzione di una cultura della salute in grado di raggiungere tutti in America, offrendo la possibilità di mantenere un peso corretto e di vivere una vita sana”. (ANSA).