Usa, trovano una cassaforte sotterrata in giardino: dentro 50mila dollari e diamanti. Poi accade l’incredibile

di Redazione Blitz
Pubblicato il 17 maggio 2018 21:44 | Ultimo aggiornamento: 17 maggio 2018 21:44
CASSAFORTE GIARDINO SOLDI

Usa, trovano una cassaforte sotterrata in giardino: dentro 50mila dollari e diamanti. Poi accade l’incredibile

NEW YORK (STATI UNITI) – Matthew Emanuel e la moglie Maria Colonna, avevano sotterrata nel loro giardino di casa, una cassaforte nella quale si nascondeva un tesoro fatto di banconote, gioielli, diamanti e pietre preziose. [App di Blitzquotidiano, gratis, clicca qui,- Ladyblitz clicca qui –Cronaca Oggi, App on Google Play] Se non fosse stato per il “magico” intervento di alcuni cervi che avevano mangiato e rovinato gli alberi intorno alla loro casa di Staten Island, a New York, forse non avrebbero mai trovato quel tesoro.

Nell’attimo in cui hanno sollevato il coperchio, Matthew e Maria non riuscivano a credere ai loro occhi. “È stato come un sogno d’infanzia che si avvera – dice Matthew – Mi sembrava di essere nell’Isola del tesoro, è stato magnifico”.

In quella cassetta hanno trovato 16mila dollari in contanti, giada, diamanti, anelli e gioielli d’oro per un valore complessivo di 52mila dollari. In mezzo, anche un biglietto con una nota in cui era indicato un indirizzo. Ed è qui che la storia si fa più interessante. All’euforia iniziale è seguito un silenzio profondo quando si sono resi conto che era l’indirizzo di uno dei loro vicini. Senza esitazioni hanno deciso subito cosa bisognava fare.

“Abbiamo bussato alla loro porta – racconta Matthew – e abbiamo chiesto loro se fossero mai stati derubati. Ci hanno risposto di aver subìto un furto durante le feste di Natale del 2011, descrivendoci anche gli oggetti presi dai ladri. A quel punto abbiamo restituito tutto ai legittimi proprietari che, impazziti per la gioia, ci hanno ringraziato e abbracciato. Perché gli autori del furto abbiano nascosto il bottino nel nostro terreno è un mistero, ma l’importante è che ora sia tornato nelle mani giuste”.