Turista italiano ucciso in Venezuela, arrestati i 4 assassini: 3 sono poliziotti

Pubblicato il 6 Settembre 2010 - 22:41| Aggiornato il 7 Settembre 2010 OLTRE 6 MESI FA

La polizia venezuelana ha arrestato quattro persone, di cui tre poliziotti, nell’ambito delle indagini sulll’assassinio del turista italiano Emiliano Astore, ucciso il 27 agosto scorso mentre si trovava a bordo della sua barca a vela, ormeggiata nel porto di Punta de Piedra, nell’isola di Margherita. A dare l’annuncio è stato il commissario della Cicpc di Margarita, José González.

Secondo l’emittente Union Radio, i quattro arrestati, della banda denominata “I pirati dei Caraibi”, avrebbero freddato Astore per rapinarlo.

Tre degli arrestati, Daniel José Fernandez di 25 anni, Francisco Millan Rodriguez di 20 e Wilfer Concepcion Salazar di 20, sono poliziotti dell”Instituto Neoespartano de Policia’ (il distretto di polizia di Nueva Esparta), e hanno ucciso insieme a Pablo Ali Gonzalez, di 30 anni.

I quattro saranno accusati formalmente dell’omicidio nelle prossime ore, hanno rilevato gli investigatori, precisando che Astore, trentaseienne residente a Guidonia (Roma), è stato ucciso perché ha opposto resistenza al gruppo di assalitori saliti a bordo della sua barca per derubarlo.

Contro Astore sono stati sparati vari colpi di pistola, due dei quali al petto. I quattro sono poi sono fuggiti a bordo di una barca a motore guidata da Pablo Gonzalez. Il console generale italiano a Caracas, Giovanni Davoli, ha manifestato all’ANSA il proprio ringraziamento per il lavoro svolto dagli investigatori venezuelani: ”Ora speriamo che anche i tribunali facciano la loro parte”, ha aggiunto il console.