“Vieni a New York, sarai famosa”: modella ingannata e costretta a prostituirsi

di Redazione Blitz
Pubblicato il 17 Luglio 2013 4:00 | Ultimo aggiornamento: 17 Luglio 2013 1:14
"Vieni a New York, sarai famosa": Modella ingannata e costretta a prostituirsi

“Vieni a New York, sarai famosa”: Modella ingannata e costretta a prostituirsi da Kevin Attz

NEW YORK – Una modella che dalla Florida arriva a New York, un sogno che si realizza per chi lavora nella moda. Un incubo invece per la donna, che attirata da Kevon Attz, 28 anni, con promesse di regali, successo e denaro via Instagram, è stata sequestrata e costretta a prostituirsi.

Secondo quanto contenuto nella denuncia presentata in tribunale, lui minacciava di ucciderla e gettarla nel fiume se non si fosse prostituita. La modella, di cui non è stato diffuso il nome, è di Clearwater, è madre di due bambini, e da giugno lavora per la Florida Modeling Network.

Attz le ha promesso che si sarebbe preso cura di lei e dei figli se si fosse trasferita a New York, ma quando è arrivata, scrive il Daily News, l’ha portata in un hotel, l’ha rinchiusa in una stanza lasciandola senza cibo, e le ha detto che l’unico modo per lei di rimanere in vita era quello di diventare la sua prostituta.

Lo scorso 6 luglio la donna ha telefonato alla madre chiedendole di mandarle dei soldi. Quando Attz l’ha portata a ritirare il denaro a Brooklyn, la modella è riuscita a dare l’allarme e la polizia lo ha arrestato, che ora è rinchiuso nel carcere di Rikers Island con l’accusa di induzione alla prostituzione e sequestro di persona.