Wikileaks: “Gli Stati Uniti vogliono metterci in lista nera”

Pubblicato il 14 Gennaio 2011 1:15 | Ultimo aggiornamento: 14 Gennaio 2011 0:31

Wikileaks denuncia in un comunicato pubblicato sul proprio sito che il presidente della Commissione Usa della Camera sulla sicurezza nazionale, Peter T. King, ha chiesto al segretario del Tesoro Tim Geitnher di “strangolare la redditività di Wikileaks mettendo il suo editore Julian Assange nella lista dei nemici degli Usa”.

Una lista, prosegue il comunicato pubblicato sul sito, che “normalmente è riservata a terroristi e dittatori”. In una lettera di King a Geithner, secondo Wikileaks, “il presidente della commissione ha sottolineato che molte aziende Usa hanno tagliato i legami con il sito fondato da Assange, ma che un editore di New York (Knopf, ndr) ha accettato di pagare per la biografia” dell’australiano.

Secondo Wikileaks, “le affermazioni di King rivelano il suo costante odio per la Costituzione americana”. King, repubblicano, è il neo presidente della House Committee on Homeland Security americana.