Wikileaks, Stratfor: “Erdogan ha rischiato la vita per un tumore”

Pubblicato il 6 Marzo 2012 17:14 | Ultimo aggiornamento: 6 Marzo 2012 17:23

ANKARA – Da mail di Stratfor, l'azienda Usa di intelligence oggetto dalla piu' recente pubblicazione di Wikileaks, emerge una voce – smentita – sulla gia' nota potenzialita' cancerogena dei polipi intestinali rimossi al premier turco Recep Tayyip Erdogan.

Il quotidiano turco Taraf, in prima pagina, citando mail di Stratfor sottolinea che l'agenzia texana specializzata in raccolta d'informazioni per clienti privati era fortemente interessata alla salute del premier (che da fine novembre, come noto, si e' sottoposto a due interventi di laparoscopia intestinale).

Secondo informazioni ottenute da un amico del dottor Dursun Bugra, il chirurgo che rimosse 20 centimetri di colon a Erdogan, le condizioni del premier erano molto gravi e il professore gli avrebbe pronosticato due anni di vita. Lo stesso quotidiano riferisce che Bugra ha smentito l'affermazione e il rapporto fatto dalla fonte. Un altro professore, Hasan Tasci che ha assistito all'operazione, come riferisce il quotidiano ha affermato che il premier non ha il cancro ne' aveva tumori nel colon.

Lo stesso Erdogan comunque, nello smentire in un'intervista di avere il cancro aveva ammesso che se non fossero stati rimossi i polipi avrebbero potuto degenerare in un tumore.

L'operazione comunque non era stata urgente ma si era deciso di condurla per tempo, aveva sostenuto il premier secondo una sintesi di quell'intervista televisiva. Gia' dopo l'operazione, tenuta peraltro segreta per due giorni innescando voci su una terapia chemioterapica rilanciate da un giornale di opposizione, un altro professore universitario che aveva compiuto la laparoscopia aveva parlato di polipi ''grossi, ma non maligni''.

Dopo l'intervento di novembre e quello del mese scorso, Erdogan ha osservato rispettivamente 14 e 5 giorni di convalescenza. La sua popolarita' (quasi 50% dei voti per il suo partito alle elezioni politiche vinte per la terza volta di fila nel giugno scorso) ed il ruolo assolutamente centrale nel panorama politico turco rendono le condizioni di salute di Erdogan un argomento di rilievo per l'intero Medio oriente.