YOUTUBE Usa, pistola grossa come uno smartphone a 500 euro: la Cellphone Pistol

di redazione Blitz
Pubblicato il 3 maggio 2018 14:22 | Ultimo aggiornamento: 3 maggio 2018 14:22
YOUTUBE Usa, pistola grossa come uno smartphone a 500 euro: la Cellphone Pistol

YOUTUBE Usa, pistola grossa come uno smartphone a 500 euro: la Cellphone Pistol

WASHINGTON – Nel Paese con il più alto numero di sparatorie nelle scuole e di incidenti mortali in casa con armi da fuoco arriva la pistola da borsetta (o da tasca) grande quanto uno smartphone. E’ la Cellphone Pistol, realizzata grazie ad una raccolta fondi online.

Questo modello a doppia canna di calibro 380 pesa circa 300 grammi ed è lunga pochi centimetri, tanto da essere paragonata a molti smartphone in commercio come dimensioni. Anche il prezzo è accattivante: solo 500 dollari, più o meno quanto uno smartphone, appunto.

App di Blitzquotidiano, gratis, clicca qui

Ladyblitz – Apps on Google Play

A sponsorizzarla è la potente lobby americana dei produttori di armi Nra (National Rifle Association), che nessuna strage di giovanissimi è ancora riuscita a fermare.

La pistola verrà presentata ufficialmente durante la riunione annuale dell’associazione che avrà inizio il 4 maggio e che vedrà anche un intervento del presidente Donald Trump, netto sostenitore del diritto di armarsi garantito dal secondo emendamento della Costituzione americana.

Nel Paese, comunque stremato da migliaia di morti da armi da fuoco, tra cui oltre centinaia di bambini, le proteste non potevano mancare. Soprattutto sui social network, dove attivisti e persone comuni denunciano la facilità di diffusione di un’arma così piccola, economica e facilmente trasportabile.

A far sentire la sua voce è stata anche una dei sopravvissuti alla strage di febbraio al liceo Marjory Stoneman Douglas di Parkland, in Florida, Jaclyn Corin: “Sempre più persone verranno “scambiate” per portatrici d’armi, soprattutto quelle di colore — denuncia la ragazza — La Nra continua a fare pubblicità mettendo le armi in mano alle persone, rendendo normale sparare ad altri”.

Già di recente in California dei poliziotti hanno scambiato per una pistola un cellulare tenuto in mano da un ragazzo afroamericano. E gli hanno sparato, uccidendolo.