YOUTUBE Yulia Skripal, discorso pubblico dopo l’avvelenamento: “Un calvario. Tornerò in Russia, ma non subito”

di Redazione Blitz
Pubblicato il 24 maggio 2018 6:16 | Ultimo aggiornamento: 23 maggio 2018 22:26
YOUTUBE Yulia Skripal, discorso pubblico: "Ho subito un calvario. Tornerò in Russia, ma non subito"

Yulia Skripal, discorso pubblico: “Ho subito un calvario. Tornerò in Russia, ma non subito”

LONDRA  – E’ riapparsa Yulia Skripal, la figlia di 33 anni dell’ex spia doppiogiochista russa Sergei, sopravvissuta col padre il 4 marzo a Salisbury a un tentativo di avvelenamento nervino che Londra attribuisce direttamente al Cremlino malgrado le smentite di Mosca. [App di Blitzquotidiano, gratis, clicca qui,- Ladyblitz clicca qui –Cronaca Oggi, App on Google Play] La giovane è ricomparsa in pubblico per un dichiarazione letta di fronte a una telecamera dell’agenzia britannica Reuters: poche parole con le quali ha raccontato il suo calvario, i flash di “una vita messa sottosopra”, annunciando un po’ a sorpresa di voler tornare in Russia: ma non ora, più in là, in un futuro imprecisato.

Yulia non ha risposto ad alcuna domanda, limitandosi a leggere in russo un testo che ha affermato di aver scritto lei stessa, sia in inglese sia nella lingua madre, e che poi ha consegnato per iscritto ai media con le sue firme in calce. Ha raccontato di essersi “svegliata dopo 20 giorni di coma” e di aver avuto “la notizia di essere stata avvelenata”. Mentre ha definito “scioccante il fatto che sia stato usato un agente nervino” (secondo gli investigatori britannici una micidiale tossina di tipo Novichok sperimentata a suo tempo nei laboratori dell’ex Urss) contro di lei e contro il padre Sergei Skripal: il colonnello a riposo dell’intelligence militare di Mosca (Gru), 66 anni,  rifugiatosi in Inghilterra nel 2010 dopo esser stato condannato in patria per essersi messo negli anni ’90 al servizio dell’MI6 britannica e in seguito graziato.

In abito estivo, con i capelli in ordine e il volto apparentemente rilassato, a tratti attraversato da un accenno di sorriso, la donna ha evitato con cura qualunque accusa, sospetto o considerazione politica. Ha parlato di “un recupero estremamente lento e penoso” sia per lei, dimessa il 9 aprile, come ha confermato, sia per il padre, uscito dall’ospedale la settimana scorsa, fra terapie “invasive, dolorose e deprimenti”. “Abbiamo bisogno di tempo per rimetterci e per accettare tutto ciò che ci è capitato”, ha proseguito, invocando ora tranquillità e rispetto della privacy.

Quanto ai due Paesi coinvolti a colpi di espulsioni, sanzioni e recriminazioni incrociate nel pesantissimo scontro diplomatico aperto dalla vicenda, Russia e Regno Unito, Yulia Skripal si è limitata a citarli en passant. Rivolgendosi ai britannici ha espresso soltanto profonda “gratitudine al meraviglioso e gentile staff del Salisbury Hospital” per le cure ricevute, nonché a “tutti coloro” che hanno prestato soccorso “il giorno dell’attacco”.

Indirizzandosi alle autorità russe (che dopo la sua scomparsa avevano denunciato il sospetto di una sorta di “sequestro di persona” da parte di Londra, ora apparentemente fugato) ha invece fatto sapere di “sperare di tornare a casa” nel suo Paese “più avanti nel tempo”. “Sono grata per le offerte di assistenza dell’Ambasciata russa, ma al momento non ancora pronta ad avvalermene”, ha puntualizzato, sottolineando di parlare pure a nome del genitore. Per ora – è il suo messaggio finale – voglio prendere le cose “un giorno alla volta e assistere il mio papà fino alla sua completa guarigione”.