Zanzibar: affonda traghetto, oltre 40 morti

Pubblicato il 10 Settembre 2011 10:15 | Ultimo aggiornamento: 10 Settembre 2011 10:56

DAR ES SALAAM – Tragedia al largo di Zanzibar, in Tanzania. Un traghetto è affondato nella notte tra venerdì e sabato, mentre navigava tra l’isola omonima dell’arcipelago e un’altra popolare destinazione turistica, Pemba, a una quarantina di chilometri. Moltissime persone risultano disperse e i morti sono più di 40.

Secondo fonti locali, a bordo c’erano circa 600 persone e al momento solo 260 sono state tratte in salvo. Le operazioni di soccorso, cui partecipano anche numerose pescherecci, sono ostacolate dai forti venti oceanici. Le cause dell’incidente sono ancora non chiare. “Abbiamo recuperato diversi corpi ma non posso fare un bilancio perché la situazione cambia di momento in momento”, ha detto il responsabile della polizia Mussa Alli Mussa.

Su Twitter sono comparse notizie, postate da alcuni residenti a Zanzibar, che riferiscono che a bordo del traghetto vi sarebbero state almeno 1.000 persone. Sempre su Twitter è stato riferito che una bambina di 7 anni sarebbe stata tratta in salvo dai soccorritori, presenti nell’area dell’incidente con un elicottero.

L’unità di crisi del ministero degli Esteri si è attivata per verificare la presenza di cittadini italiani a bordo del traghetto affondato nell’arcipelago di Zanzibar, al largo della Tanzania, riferisce la Farnesina.