Zara, sulle etichette messaggi dei lavoratori: “L’ho fatto io ma non sono stato pagato”

di redazione Blitz
Pubblicato il 7 novembre 2017 7:12 | Ultimo aggiornamento: 6 novembre 2017 20:24
Zara-etichette-protesta

Zara, sulle etichette messaggi dei lavoratori: “L’ho fatto io ma non sono stato pagato”

ANKARA – In Turchia, in tutti i negozi Zara, gli acquirenti accanto al prezzo del capo d’abbigliamento, trovano delle etichette marroni con una scritta in giallo dei lavoratori: “Ho fatto questo prodotto ma non sono stato pagato”.

Ad applicare le etichette sono stati alcuni lavoratori turchi dell’azienda Bravo, che produce per Inditex, la società madre di Zara: la fabbrica è stata chiusa e aspettano ancora tre mesi di retribuzione e l’indennità di fine rapporto, scrive il Daily Mail.

I lavoratori, che hanno prodotto indumenti anche per Next e Mango, esortano dunque gli acquirenti a essere solidali e hanno lanciato una petizione così che l’azienda si decida a pagare; ieri avevano raccolto più di 19.000 firme.

Zara non è nuova alle controversie: in passato è già stata accusata di utilizzare modelle magrissime nella campagna “ama le tue curve” nonché di sfruttamento di profughi siriani, lavoro minorile e di far lavorare in “condizioni analoghe alla schiavitù”.

Privacy Preference Center

Necessari

installato da wordpress di default, non vengono utilizzati in alcun modo

wordpress

Advertising

Analytics

Utilizzati per stimare il traffico del sito

_ga,_gat,_gid,WT

Other