La parabola di Zeitoun: da eroe di Katrina a presunto mandante di omicidi

Pubblicato il 14 agosto 2012 10:59 | Ultimo aggiornamento: 14 agosto 2012 10:59

Zeitoun e la ex moglie Kathy

NEW ORLEANS (USA) – L’eroe che con una canoa ha salvato molte vite durante l’uragano Katrina che travolse New Orleans nel 2005 e l’uomo che ha prima picchiato con un cric la moglie Kathy, e poi ha dato 20.000 euro ad un compagno di cella perché uccidesse lei, il figlio di lei, e il presunto nuovo compagno della donna. Due facce della stessa persona. Si chiama Abdulrahman Zeitoun, arabo-americano noto per essere stato anche il soggetto di un bestseller di Dave Eggers.

Gli eroi non esistono, verrebbe da dire. Zeitoun avrà anche salvato delle vite dalla morte di Katrina, ma ha pure minacciato la figlia con un cacciavite perché portava gli shorts. Ha picchiato più volte la moglie, secondo le cronache dei quotidiani statunitensi.

Su Zeitoun volevano anche fare un film. E non uno qualunque: il regista sarebbe dovuto essere Jonathan Demme, lo stesso del Silenzio degli Innocenti. Ma ora l’accusa dei magistrati, secondo cui “l’angelo con la canoa” avrebbe commissionato tre omicidi, fa saltare tutto.

In attesa che la situazione si chiarisca, che gli inquirenti spieghino, Eggers e Demme hanno pubblicato un annuncio sul sito internet della Fondazione Zeitoun (ebbene sì, pure una fondazione a suo nome, come per i moigliori benefattori): “Siamo profondamente rattristati per quanto è successo. La nostra prima preoccupazione va alla sicurezza di Kathy e dei figli. Siamo in contatto con lei dall’incidente del 25 luglio. E ora siamo scioccati dalle accuse formulate contro Abdulrahman il 9 agosto”.

Forse sarebbe andato tutto in porto se il 25 luglio Zeitoun non avesse aggredito di nuovo Kathy, ex moglie da un anno, in una strada di New Orleans. Botte con un cric, sputi davanti ad un testimone. Dopo un tentativo di fuga si è consegnato alla polizia. Finisce in carcere. Qualche giorno dopo Donald Pugh, compagno di cella di Zeitoun, racconta della proposta che gli era stata fatta: ventimila euro per uccidere Kathy, il figlio di 22 anni avuto dal precedente matrimonio e il suo presunto compagno (almeno secondo Zeitoun).

“Era un uomo buono, è cambiato troppo”, spiega la moglie.