Bruno Barbieri difende la pizza di Cracco: “La foto non rende”

di Redazione Blitz
Pubblicato il 23 marzo 2018 23:35 | Ultimo aggiornamento: 23 marzo 2018 23:35
Bruno Barbieri e la pizza di Carlo Cracco

Bruno Barbieri difende la pizza di Cracco: “La foto non rende”

ROMA – Bruno Barbieri difende la pizza di Carlo Cracco: “L’ho provata, la foto non rende”.

Tutte le notizie di Blitzquotidiano in questa App per Android. Scaricatela.

Lo chef e collega di Cracco ospite di “E poi c’è Cattelan” di Alessandro Cattelan confessa di aver assaggiato la tanto discussa pizza e di averla apprezzata. Una voce fuori dal coro, dopo che la pubblicazione della foto della pizza del famoso chef aveva incassato innumerevoli critiche e scatenato polemiche sui social network, come riporta Il Giornale:

“L’immagine dell’originale piatto, servito presso il nuovo ristorante di Cracco nell’elegante Galleria Vittorio Emanuele a Milano, aveva fatto storcere il naso ai puristi del Made In Italy e, in particolare, ai sostenitori partenopei, dove la pizza Margherita è di casa. Ma, come ha specificato lo stesso Barbieri, la qualità della foto social non renderebbe giustizia alla combinazione creativa proposta dal collega, perché infinitamente inferiore rispetto al gusto e alla bontà della stessa.

Come ha specificato lo stesso chef emiliano: “Carlo Cracco è un grandissimo chef e un’artista e quindi lui si può permettere di fare tutto quello che vuole”. Alessandro Cattelan conferma la teoria del suo ospite, aggiungendo però un paragone piuttosto calzante: “Andare da Cracco a mangiare la pizza è come andare da Armani a farsi fare l’orlo” . Bruno Brabieri quindi segue la strada avviata già da un altro chef, Gino Sorbillo, sceso in campo in difesa della bravura di Cracco: “Mi è piaciuta la filosofia, onesta e semplice, che sta dietro a quella creazione. La sua pizza contiene i suoi punti di vista, quegli stessi che lo hanno contraddistinto in questi anni e reso un personaggio televisivo molto amato. Lui, peraltro, non ha mai dichiarato nel menu di fare una pizza napoletana”.