Pizza, meglio classica o integrale? Entrambe ma…

di Redazione Blitz
Pubblicato il 5 Febbraio 2015 13:31 | Ultimo aggiornamento: 5 Febbraio 2015 13:31
Pizza, meglio classica o integrale? Entrambe ma...

Pizza, meglio classica o integrale? Entrambe ma…

ROMA – Pizza integrale oppure no? Paola Vitaglione, ricercatore in nutrizione umana del dipartimento di Agraria della Federico II ha provato a sciogliere il nodo senza dare, alla fine, una risposta definitiva. Alla platea dei pizzaioli e degli operatori intervenuti alla Convention 2015 dell’Associazione verace pizza napoletana (Avpn) presieduta da Antonio Pace, alla fine, ha detto che la scienza si esprimerà sui nuovi standard di una pizza a base integrale.

Il Mattino infatti spiega che

Innovare va bene, dice la nutrizionista. Ma nel caso dell’utilizzazione di farine integrali questo vorrà dire sicuramente impasti meno elastici rispetto ai tradizionali e che necessitano di tempi di lievitazione e maturazione diversi.

Innovare richiede il rispetto dei parametri sensoriali che caratterizzano la Verace nel mondo. Tuttavia l’Avpn, è stato spiegato durante le assise alle quali partecipano un centinaio di pizzaioli e operatori aderenti provenienti da diversi Paesi (sono 520 gli affiliati in 28 nazioni), non si chiude al “nuovo” e ha creato un gruppo di lavoro per verificare fino a che punto l’aggiunta di fibre altera le caratteristiche tecniche dell’impasto come elasticità, tempi di lievitazione, maturazione.