Tiramisù da record in Friuli, ma Veneto accusa: “Hanno barato con la panna”

di Redazione Blitz
Pubblicato il 13 febbraio 2018 16:48 | Ultimo aggiornamento: 13 febbraio 2018 16:48
Tiramisù da record in Friuli, ma Veneto accusa: "Hanno barato con la panna"

Tiramisù da record in Friuli, ma Veneto accusa: “Hanno barato con la panna”

TRIESTE – Il tiramisù più lungo del mondo è stato realizzato in Friuli Venezia Giulia. Con i suoi 266,90 metri e ben 30 pasticceri all’operaa Villesse, vicino Gorizia, questo dolce è entrato nel Guinness Word Record. Un risultato tutto italiano che segna il nuovo capito della guerra tra Veneto e Friuli per la paternità contesa del tiramisù. E così, invece di festeggiare, il Veneto punta il dito: “Hanno barato, hanno utilizzato la panna”.

Secondo la Confraternita del Tiramisù di Treviso, nella ricetta originale non è prevista la panna. Dunque quei 400 chilogrammi di panna, aggiunti ai 400 grammi di mascarpone utilizzati dai pasticceri, avrebbero sì creato un dolce, ma non un tiramisù. Mirko Ricci, l’organizzatore del record segnato in Friuli, replica che la panna era prevista sia nella ricetta originale di Pieris, vicino Gorizia, che nel regolamento della gara mondiale.

Per prepararlo “sono stati utilizzati 400 chili di mascarpone – ha spiegato Ricci – 400 chili panna, 48 mila savoiardi, 420 litri di caffè, 200 chili di zucchero, 3 mila uova, 47 litri di marsala”. E sarebbe proprio la panna l’ingrediente della discordia, spiega Ricci:

“Chi impugna la prova non conosce bene la storia del tiramisù: nella sua forma arcaica, la ‘Coppa Vetturino Tirime Su’ prevedeva l’uso della panna tra gli ingredienti. Non abbiamo scippato nessun record a nessuno, perché è la prima gara di questo tipo che si organizza al mondo. Questa è l’ennesima polemica inutile, che fa male al territorio e al dolce in sé, perché si potrebbe sfruttare tutti insieme il successo del dolce nella maniera più pacifica”.