Vissani consiglia: cipolla di Cannara, eccellenza umbra

di Gianfranco Vissani
Pubblicato il 1 Settembre 2019 14:56 | Ultimo aggiornamento: 1 Settembre 2019 14:56
gianfranco-vissani-cipolla-cannara

Gianfranco Vissani alla presentazione della Festa della Cipolla di Cannara

Voglio parlarvi della cipolla di Cannara, uno dei prodotti locali più importanti del territorio umbro. Un’importantissima manifestazione gastronomica di questa magnifica regione. Ci sono diverse varietà, ma a caratterizzarle tutte è la dolcezza, la morbidezza e la loro digeribilità. Io amo quella di forma piatta, dorata.

Siamo alle prese con un prodotto storico. La coltivazione della cipolla di Cannara è molto antica e si è sviluppata grazie alla particolare conformazione del terreno dove viene coltivata, molto argilloso e ricco d’acqua.  

Una volta nelle nostre case la cipolla di Cannara si faceva gratinata, ma va bene anche sotto la cenere, con un’insalatina di astice, calamari o aragosta. Non per un risotto, perché lo appesantisce. Meglio una zuppa di cipolla con dell’uovo poché, groviera e una fetta di cotechino.

A voi lettori di Blitz Quotidiano consiglio anche una ricetta un po’ alternativa, facile e veloce: anelli di cipolla cruda, con dentro una capasanta cruda, marinata al liquore ratafià con il quale fare una bella riduzione per chiudere il piatto.  

Se volete assaporare con il vostro palato questo prodotto potete fare un salto alla Festa della Cipolla di Cannara, dove io stesso sarò presente. La 39°edizione della festa si terrà dal 3 all’8 e dal 10 al 15 settembre 2019 proprio a Cannara. Parliamo di una manifestazione che fa una media di 1600 coperti tutte le sere, mantenendo la materia prima ad altissimo livello. Da provare!