176 mila i super ricchi italiani da 1 mln $. 150 mila nascosti all’Irpef

Pubblicato il 20 Giugno 2013 6:00 | Ultimo aggiornamento: 19 Giugno 2013 18:23
150 mila super ricchi italiani nascosti all'Irpef

150 mila super ricchi italiani nascosti all’Irpef

ROMA – 176 mila i super ricchi italiani da 1 mln $. 150 mila nascosti all’Irpef. Secondo il World Wealth Report 2013 esistono in Italia ben 176 mila super ricchi, cioè persone che detengono una liquidità da investire per oltre un milione di dollari (al netto di case e beni di altro tipo). Secondo i dati delle dichiarazioni Irpef, invece, sono appena 28 mila le persone (nemmeno qualificabili come super ricchi) che dichiarano più di 300 mila euro di reddito. I conti non tornano. 148 mila dichiarazioni devono per forza essere infedeli, le ricchezze occultate, altrimenti non si capisce come facciano, questi abusivi del fisco, a investire  patrimoni che non posseggono.

Il rapporto, redatto dalla società di consulenza Capgemini e da Royal Bank of Canada, nonostante la freddezza statistica dei numeri, potrebbe essere assunto come manifesto di denuncia da ogni “occupy” del pianeta. Per restare in Italia, a dispetto della grave congiuntura, i nuovi ricchi sono aumentati di 7500 unità (e parliamo di quelli da un milione di dollari). Gli Stati Uniti si confermano l’area con maggiore numero di ricchi dopo il sorpasso nell’anno precedente da parte del Far East. La ricchezza investibile dei 12 milioni di individui ad alto patrimonio netto ha segnato l’anno scorso una ripresa del 10% raggiungendo il livello record di 46.200 miliardi di dollari, dopo il calo dell’1,7% del 2011. In classifica l’Italia è al decimo posto.

In particolare, tutte le regioni del mondo hanno assistito a una forte crescita sia della popolazione dei paperoni che della ricchezza con l’eccezione dell’America Latina, che guidava la crescita nel 2011 ma che ha vacillato nel 2012 a causa del rallentamento del Pil e dei mercati azionari. Guardando in casa nostra, la classifica dei paperoni vede l’Italia al decimo posto con un numero totale cresciuto del 4,5% e che ha raggiunto i 176.000 individui nel 2012. La ricchezza detenuta dai super ricchi in Italia si attesta intorno ai 336 miliardi di dollari nel 2012 con un incremento pari al 4,5 per cento. Quanto al futuro, la prospettiva, con la ripresa economica in corso che delinea un contesto di riduzione del rischio e migliora la fiducia degli investitori, è che la ricchezza a livello globale dei paperoni crescerà del 6,5% all’anno nei prossimi tre anni. Questo è in contrasto con la lenta crescita del 2,6% registrata dopo la crisi finanziaria del 2008.