Nagel: “In Fonsai guerra di potere, ma io ero contro Ligresti”

Pubblicato il 7 agosto 2012 12:14 | Ultimo aggiornamento: 7 agosto 2012 12:15

Alberto Nagel

ROMA – Una “guerra di potere”. Per l’amministratore delegato di Mediobanca e vicepresidente di Generali  Alberto Nagel è quella che è si sta combattendo in Italia. ”Dalla scomparsa di Vincenzo Maranghi – spiega Nagel in un’intervista a Repubblica –  in poi, in Italia si è combattuta e si sta combattendo una guerra di potere. Ed è anche vero che questa guerra ha camminato di pari passo con le evoluzioni della politica”.

“Tra il 2009 e il 2010 – prosegue – c’e’ stato un tentativo chiaro da parte di un gruppo di azionisti e di manager, per acquisire una posizione di forza all’interno del circuito che fa capo a Mediobanca”, quando Geronzi e Bollore’ ”hanno cercato di entrare da padroni”, ”nel silenzio delle autorità di vigilanza, a quell’epoca assai compiacenti”. Tuttavia, Nagel sottolinea come dopo il 2011 le cose siano cambiate.

”Il punto di svolta – spiega – è il momento in cui siamo riusciti a mettere fuori gioco Geronzi. Quello è stato l’inizio di un cambiamento epocale, per Mediobanca e per la finanza italiana. Per la prima volta noi manager abbiamo ristabilito il primato dell’autonomia e dell’indipendenza. Siamo noi che abbiamo fatto saltare gli equilibri di quello che sui giornali si chiamava e si chiama ancora il salotto buono dei Poteri forti”.

”Noi Ligresti – insiste Nagel – lo abbiamo messo alla porta con tanto di lettere ufficiali! E abbiamo cominciato a farlo già in quell’autunno del 2010 quando abbiamo capito che trattava con Bollorè e con i francesi”. ”I giornali – continua – dovrebbero smettere di scrivere che abbiamo continuato a finanziare i Ligresti fino a pochi mesi fa. In verità i rubinetti si sono chiusi dal 2007”, ”i 45 milioni di cui si parla non sono affatto una buonuscita, ma il corrispettivo della quota Premafin che doveva essere ceduta a Unipol”. Infine, su Perissinotto, Nagel fa sapere: ”La verità è semplice: e’ stato messo a riposo dopo tanti anni perché in cda si è convenuto che i risultati della sua gestione non fossero performanti”.

Privacy Preference Center

Necessari

installato da wordpress di default, non vengono utilizzati in alcun modo

wordpress

Advertising

Analytics

Utilizzati per stimare il traffico del sito

_ga,_gat,_gid,WT

Other