Alitalia, 1000 esuberi riassorbiti. Piloti/hostess offrono a Etihad “pace sociale”

di Redazione Blitz
Pubblicato il 9 Luglio 2014 11:42 | Ultimo aggiornamento: 9 Luglio 2014 11:42
Alitalia, 1000 esuberi riassorbiti. Piloti/hostess offrono a Etihad "pace sociale"

Alitalia, 1000 esuberi riassorbiti. Piloti/hostess offrono a Etihad “pace sociale”

ROMA – Alitalia, 1000 esuberi salvati. Piloti/hostess offrono a Ethiad “pace sociale”. Martedì 15 luglio il ceo di Etihad James Hogan sarà a Roma: si aspetta che banche e sindacati sciolgano la riserva sul piano presentato. Entro quella data, sul versante occupazionale, Alitalia, Governo e sindacati dovranno trovare l’intesa per risolvere la grana dei 2251 tagli (prendere o lasciare) previsti dal progetto Ethiad per sottoscrivere la partnership. Resterebbero quindi a rischio licenziamento 1244 posizioni, di cui 777 già in cassa integrazione volontaria,

L’intesa porterebbe a un ridimensionamento degli esuberi di mille unità, nel senso che si procederà a ricollocamenti in altre aziende (Poste, fornitori di Alitalia, prepensionamenti). Nel frattempo le associazioni più forti di categoria tra piloti e hostess (Anpac, Avia e Anpavhanno scritto direttamente a James Hogan per offrire tre anni di “pace sociale”, con rinuncia agli adeguamenti salariali e a ogni rivendicazione per tre anni pur di favorire il rilancio nazionale della compagnia grazie al progetto Ethiad. I ricollocamenti degli esuberi, invece, sarebbero così distribuiti secondo le indiscrezioni dei giornali (le parti rimandano alla fine della trattativa, prevista per il weekend):

Ci sarebbero 28 piloti che avrebbero già rinunciato al posto volontariamente. Altri 86 (50 comandanti, 8 assistenti di volo e 28 dipendenti di terra) hanno maturato i requisiti per andare in pensione mentre 85 lavoratori utilizzati nel settore dell’information technology troveranno riparo sotto l’ombrello di Poste italiane. E ancora i 56 addetti alla sicurezza di Alitalia saranno assunti da un azienda privata e lo stesso avverrà per 100 dipendenti ricollocati in aziende fornitrici di Alitalia. Futuro segnato nel Golfo, invece, per 100 piloti e altrettanti tecnici e ingegneri aeronautici, assunti direttamente da Etihad. Infine resteranno a Fiumicino, ma spostati in altri settori, 200 addetti all’handling e altri 200 tecnici della manutenzione che indosseranno la casacca della Atitech. (Lucio Cillis, La Repubblica)