Amazon, schiaffo a De Blasio e Cuomo: “A New York a sinistra non ci ama”

di Redazione Blitz
Pubblicato il 16 febbraio 2019 5:00 | Ultimo aggiornamento: 16 febbraio 2019 7:26
Amazon non aprirà a New York: addio a 25mila posti di lavoro

Amazon rinuncia a New York: niente megapolo, né 25mila posti di lavoro

NEW YORK – Amazon, schiaffo a Bill De Blasio e Andrew Cuomo: “A New York la sinistra non ci ama”. Con un’incredibile iniziativa, ha abbandonato il progetto di costruire un megapolo di magazzini e uffici nel Queens che avrebbe garantito circa 25.000 posti di lavoro, in cambio di 3 miliardi di dollari in agevolazioni fiscali statali e locali.

“Dopo molte riflessioni, abbiamo deciso di non andare avanti con il progetto di costruire un quartier generale per Amazon a Long Island City, nel Queens”, ha dichiarato in una nota il gigante della vendita online. La decisione è stato un duro colpo per il Governatore Cuomo e il sindaco de Blasio, che avevano messo da parte la faida al fine di concludere un accordo che avrebbe attirato Amazon verso New York, invece che in una delle oltre 200 altre aree metropolitane in lizza per il progetto. 

Per avere il quartier generale HQ2 a Long Island City, i due democratici avevano offerto ad Amazon miliardi di dollari in benefici finanziari, compresi 2,5 miliardi di agevolazioni fiscali, 500 milioni in sussidi statali per la costruzione e una garanzia che il progetto avrebbe evitato la complicata procedura urbanistica di New York. 

Nella dichiarazione, Amazon ha alluso all’opposizione degli attivisti e dei politici di sinistra e spiegato di non aver ricevuto la collaborazione politica che un progetto come quello proposto avrebbe richiesto. E questo nonostante l’iniziativa riscuotesse l’appoggio del “70% dei cittadini di New York”. I funzionari avevano stimato che il progetto avrebbe portato a New York 27 miliardi di dollari di entrate fiscali in 25 anni e generato tra i 25.000 e i 40.000 posti di lavoro con uno stipendio medio di 150.000 dollari. 

A novembre l’annuncio del progetto non è stato accolto favorevolmente come si aspettavano il sindaco o il governatore o Amazon. I politici locali, incluso il senatore dello Stato Mike Gianaris, e gli attivisti erano furibondi per esser stati tagliati fuori dalla trattativa e si sono scagliati contro una delle società più ricche al mondo trattata con tale generosità. Cuomo ha bollato l’opposizione di Gianaris come “malasanità politica” e ha accusato i colleghi democratici del Senato dello Stato. 

“Un piccolo gruppo di politici ha messo i propri interessi politici al di sopra della comunità, del futuro economico dello Stato e del miglior interesse della popolazione di questo Stato”. “Il senato dello Stato di New York ha fatto enormi danni. Dovrebbero essere ritenuti responsabili di questa perduta opportunità economica “.