Merkel contro i mercati: “Non sono al servizio del popolo”

Pubblicato il 3 settembre 2012 17:35 | Ultimo aggiornamento: 3 settembre 2012 17:37
Angela Merkel

Angela Merkel (Lapresse)

BERLINO – Angela Merkel attacca i mercati, accusandoli di “non essere al servizio del popolo”. Colpevoli di aver fomentato la crisi in Europa,  per la cancelliera tedesca, negli ultimi cinque anni, hanno consentito a poca gente di arricchirsi a spese della maggioranza. La cancelliera, secondo quanto riporta l’agenzia Bloomberg, ha parlato nel corso di un evento organizzato dalla Csu bavarese, nel quale ha chiesto ai politici di sollecitare gli elettori a tagliare il debito, per evitare di finire nel mirino degli investitori.

“Abbiamo bisogno di Europa, ma abbiamo bisogno di un’Europa che sia forte nel mondo”, ha aggiunto la cancelliera parlando ai membri del suo partito. In quest’ottica la Germania deve aprire la strada affinché il Vecchio Continente diventi più competitivo a livello globale e mantenga lo stato sociale, “senza aumentare il debito.

Secondo la Merkel non bisogna consentire ai mercati di distruggere i frutti del lavoro della gente né tantomeno i governi possono dipendere da essi a causa del loro debito eccessivo. “La vera questione riguardo alla democrazia è questa: possiamo in Germania e in Europa vincere le elezioni quando congiuntamente stabiliamo di avere finanze solide e quando non spendiamo più di quello che incassiamo?”

Secondo la Merkel l’Europa deve essere forte con un'”unione stabile” e non con un'”unione del debito”. Poi, rivolgendosi alla Grecia, ha detto che “questi paesi hanno meritato la nostra solidarieta’, poiche’ abbiamo voluto che superassero le loro difficolta’”. La Germania, secondo la Merkel, deve premere per le riforme “anche se a volte siamo severi”.

Privacy Preference Center

Necessari

installato da wordpress di default, non vengono utilizzati in alcun modo

wordpress

Advertising

Analytics

Utilizzati per stimare il traffico del sito

_ga,_gat,_gid,WT

Other