Antitrust, multa di 450 mila euro alla Federazione italiana sport equestri

di Daniela Lauria
Pubblicato il 16 Ottobre 2019 13:29 | Ultimo aggiornamento: 16 Ottobre 2019 13:29
Antitrust, multa di 450 mila euro alla Federazione sport equestri

Una gara di equitazione (Foto Archivio Ansa)

ROMA – Multa di 450 mila euro alla Federazione Italiana Sport Equestri (Fise). Lo ha stabilito l’Antitrust che ha concluso il procedimento nei confronti della Federazione accertando il mancato rispetto degli impegni resi obbligatori con provvedimento del giugno 2011 e un abuso di posizione dominante nei confronti di organizzazioni sportive concorrenti. 

In particolare, secondo il Garante della concorrenza, la Fise “ha posto in essere una strategia abusiva volta a limitare l’ambito dell’organizzazione delle competizioni amatoriali equestri, con particolare riferimento alle specialità Attacchi e Salto a Ostacoli”.

Nello specifico, l’Autorità ha accertato che la strategia anti-concorrenziale si è realizzata mediante l’adozione di nuovi regolamenti maggiormente restrittivi, l’invio di lettere di diffida – a circoli, Eps, associazioni e, in generale, operatori del settore – volte ad impedire lo svolgimento di manifestazioni amatoriali di cui la Federazione asserisce la natura agonistica – e la mancata stipula di convenzioni con gli Eps e le altre società ed associazioni sportive, con cui regolare lo svolgimento dell’attività amatoriale e/o agonistica.

“In tal modo – spiega l’Antitrust – Fise ha ristretto in maniera sostanziale la possibilità di svolgere l’attività amatoriale, limitando fortemente l’ambito di operatività degli altri concorrenti ed ampliando la propria sfera di attività. Il mancato rispetto degli impegni, finalizzati ad assicurare lo svolgimento di attività amatoriale in ambito equestre, e l’abuso accertato nei confronti delle organizzazioni concorrenti di Fise sono stati ritenuti violazioni gravi della concorrenza”.

Fonte: Ansa