Apple contro maxi multa Ue da 13 mld: “E’ sfida a realtà e al buon senso”

di Caterina Galloni
Pubblicato il 20 Settembre 2019 5:19 | Ultimo aggiornamento: 19 Settembre 2019 19:35
Apple contro maxi multa Ue da 13 mld: "E' sfida a realtà e al buon senso"

La mela morsicata, logo di Apple (Foto Ansa)

ROMA – Apple è passata all’offensiva e ha presentato l’appello contro la multa di 13 miliardi di euro inflitta dalla Commissione europea, definendola una “sfida alla realtà e al buon senso”. Nell’estate 2016, una storica sentenza aveva condannato il gigante di Cupertino al pagamento di 13 miliardi di euro al fisco irlandese, dopo che la Commissione Europea aveva stabilito che per anni l’Irlanda aveva applicato un regime di tassazione agevolato, vietato dalle regole.

Daniel Beard, avvocato di Apple ha dichiarato in un Tribunale dell’Ue che la richiesta è una “sfida alla realtà e al buon senso”, aggiungendo che la “conclusione della Commissione è sbagliata”. La Commissione ha replicato, attraverso l’avvocato Richard Lyal che ha definito le dichiarazioni di Apple come assolutamente insignificanti, dal momento che l’Irlanda ha applicato le sue tasse solo ad Apple Irlanda e non a tutto il gruppo o ad Apple.Inc.

Lyal ha sottolineato le responsabilità dell’Irlanda in quanto non avrebbe vigilato correttamente ma si sarebbe limitata ad accettare una proposta di tassazione avanzata da Apple Irlanda. Ciò rientrerebbe in un trattamento di favore e pone le basi per l’accusa di aver fornito aiuti di Stato.

L’Irlanda a sua difesa, sostiene che il caso derivi da una mancata corrispondenza tra la tassazione Usa e quella irlandese e che la decisione della Commissione sia sbagliata.

La conclusione della vicenda non è prevista in tempi brevi: i giudici non emetteranno la sentenza prima del 2020 e qualsiasi appello andrà quindi alla più alta corte dell’Ue, la Corte di giustizia europea, per una sentenza definitiva che potrebbe arrivare anche nel 2021.

Fonte: Daily Mail