ArcelorMittal: 3.300 esuberi e rinvio su Afo5

di redazione Blitz
Pubblicato il 5 Giugno 2020 23:02 | Ultimo aggiornamento: 5 Giugno 2020 23:02
ArcelorMittal: 3.300 esuberi e rinvio su Afo5

ArcelorMittal: 3.300 esuberi e rinvio su Afo5 (Foto Ansa)

ROMA  –  Esuberi, 3.300 già nel 2020, e rinvio del rifacimento su Afo5 (l’altoforno 5): sono alcuni dei punti del nuovo piano industriale di ArcelorMittal per Ilva arrivato nella serata di venerdì 5 giugno sui tavoli dei ministri Stefano Patuanelli (Sviluppo Economico), Roberto Gualtieri (Economia) e Catalfo (Lavoro)

A rivelarlo all’Ansa è il segretario della Fim Cisl Marco Bentivogli. Secondo il sindacalista “il piano presentato non sarebbe lontano dall’accordo raggiunto a marzo scorso al Tribunale di Milano, quando si chiuse il contenzioso tra Ilva in amministrazione straordinaria e ArcelorMittal”.

“Ci aspettiamo un piano in linea con l’intesa del 4 marzo” aveva detto ancora una volta in mattinata il ministro Patuanelli in un’intervista radiofonica, ma adesso il tono era di chi ha perso la pazienza.

Al clima sempre molto teso fra governo e azienda non ha giovato l’incidente diplomatico del primo giugno scorso, quando ai cancelli di Taranto si sono presentati i commissari straordinari per l’annunciata ispezione agli impianti e si sono trovati i cancelli chiusi. I top manager che dovevano accompagnarli erano in vacanza per il ponte del 2 giugno.

Nel corso della giornata precedente il segretario della Fim-Cisl Marco Bentivogli in un post e poi il segretario della Uilm Rocco Palombella in un comunicato hanno fatto trapelare la cifra monstre di 8.200 esuberi che ArcelorMittal vorrebbe attuare mettendo la stragrande maggioranza dei suoi dipendenti in cassa integrazione.

Gli accordi siglati il 4 marzo prevedeva invece da parte della società la garanzia di mantenere i livelli occupazionali di 10.700 posti, in linea con gli impegni del settembre 2018 siglati con governo e sindacati.

Quello di settembre è il solo accordo che i sindacati riconoscono e che si traduce nei fatti in zero esuberi.

A non avere fiducia in Mittal c’è anche l’indotto. La ditta d’appalto Ferplast ha ritirato i lavoratori dallo stabilimento siderurgico di Taranto. Si tratta di un’azienda con oltre 200 addetti tra contratto a termine e a tempo indeterminato. (Fonte: Ansa)