Befera conferma: “Nuovo redditometro pronto a fine mese. In funzione da gennaio”

Pubblicato il 16 Ottobre 2012 16:05 | Ultimo aggiornamento: 16 Ottobre 2012 16:06
Attilio Befera (Lapresse)

ROMA – Pronto per la fine di ottobre e in funzione dal 1 gennaio 2013. Arriva il nuovo redditometro, parola di Attilio Befera che a margine di un convegno all’università Luiss, ha risposto alle domande dei giornalisti sul nuovo strumento fiscale. “Lo stiamo esaminando, ora dobbiamo presentarlo alle associazioni”, ha aggiunto il direttore dell’Agenzia delle Entrate.

Il numero uno delle Entrate ha poi voluto chiarire quello che, a suo dire, è un “grosso equivoco”. Il redditometro, ha spiegato, ”non misura la ricchezza ma misura le spese; il confronto è tra il reddito dichiarato e le spese, non con la ricchezza né con la ricchezza superflua”. ”Non ci sono parametri diversi a seconda delle voci, la barca non pesa più del camper”, precisa confermando che più o meno si fonderà su un centinaio di voci di spesa. E assicura che nel nuovo modello, conclude, “non ci saranno i coefficienti come nel vecchio redditometro”.

Al convegno, incentrato sui temi evasione, elusione e abuso del diritto, Befera ha fatto anche il punto sulla normativa fiscale italiana: “Abbiamo una legislazione instabile e caotica, un numero eccessivo di accertamenti sui quali stiamo operando, un sistema sanzionatorio non credibile e un’opinione pubblica spesso contro l’operato dell’amministrazione”. Per Befera, quelli da lui citati sono fattori che disincentivano gli “investimenti delle imprese, e orientano verso altri paesi che danno stabilità e certezza in materia fiscale”.