Aumento Iva 1° ottobre, rincari maggiori su Made in Italy: mobili ed elettrodomestici

di Redazione Blitz
Pubblicato il 1 ottobre 2013 0:53 | Ultimo aggiornamento: 1 ottobre 2013 1:24

Aumento Iva 1° ottobre: i rincari maggiori per mobil, elettrodomestici e vestitiVENEZIA – Mobili, elettrodomestici e manutenzione della casa sono i costi che più risentiranno dell’aumento dell’Iva a partire dal 1° ottobre. Questa la stima della Cgia di Mestre, che tira le somme dell‘aumento dell’Iva dal 21% al 22%. La stima si basa sull’ipotesi che nel 2014 la propensione alla spesa al consumo delle famiglie italiane rimanga la stessa di quella registrata l’anno scorso (ultimo dato statistico oggi disponibile). A pagare le spese dell’aumento dell’Iva saranno le famiglie più povere, con aumenti stimati per 120 euro a famiglia.

Al vertice di questa particolare graduatoria troviamo i mobili, gli elettrodomestici e la manutenzione della casa. A fronte di una spesa annua delle famiglie italiane pari a 68,5 miliardi di euro, l’aumento dell’Iva comporterà un aggravio annuo di queste voci di 567 milioni di euro. Fatto 100 il gettito atteso dalla spesa delle famiglie, con l’aumento di un punto dell’Iva sulle famiglie, questa tipologia di spesa inciderà sul totale per una quota pari al 19,8%.

Al secondo posto troviamo l’abbigliamento e le calzature. Con una spesa famigliare annua pari a 66,5 miliardi di euro, il ritocco dell’Iva porterà un gettito aggiuntivo di 550 milioni di euro, pari al 19,3% del maggior gettito totale atteso. Al terzo posto di questa classifica troviamo le riparazioni, le manutenzioni e i pezzi di ricambio dei mezzi di trasporto. A seguito di una spesa famigliare annua di 36 miliardi di euro, l’incremento dell’aliquota ordinaria dell’Iva su questa spesa “garantirà” un gettito aggiuntivo di 298 milioni di euro, pari al 10,4% del maggior gettito previsto.

Giuseppe Bortolussi, segretario della Cgia di Mestre, dichiara: “A subire l’aggravio più pesante saranno gli acquisti dei prodotti ‘made in Italy’ che costituiscono l’asse portante del nostro manifatturiero. Pertanto, il probabile calo dei consumi che interesserà queste voci avrà degli effetti molto negativi anche sulla miriade di piccole e medie imprese che già oggi operano in condizioni di grave difficoltà a seguito di una tassazione a livelli record, ad una burocrazia eccessiva ed asfissiante e di una crisi che continua a produrre i suoi effetti negativi”.

Gli Artigiani di Mestre ricordano che il gettito annuo atteso dall’incremento dell’aliquota ordinaria dell’Iva dal 21% al 22% è pari a 4,2 miliardi di euro all’anno: questa somma graverà per il 67% (in valore assoluto pari a 2,85 miliardi di euro circa) sulle tasche delle famiglie, mentre il rimanente 33% (1,35 miliardi) “colpirà” le imprese, il settore “no profit” e in parte anche l’Amministrazione pubblica.