Auto, Usa/ Per la General Motors la bancarotta è praticamente inevitabile

Pubblicato il 11 maggio 2009 19:21 | Ultimo aggiornamento: 11 maggio 2009 19:21

La ristrutturazione della General Motors nei modi e nei tempi voluti dal governo federale è talmente ardua che secondo gli esperti il suo ricorso alla bancarotta sotto l’ombrello del Chapter 11 è praticamente inevitabile, a quanto scrive The Huffington Post.

Per evitare la bancarotta, il colosso di Detroit dovrebbe persuadere gli azionisti di scambiare un debito di 27 miliardi di dollari col 10 per cento delle sue traballanti azioni, raggiungere accordi con i sindacati, annunciare la chiusura di fabbriche, tagliare o vendere marchi e costringere centinaia di rivenditori alla chiusura.

«Nell’attuale situazione, davvero non vedo come sia possibile», ha dichiarato Stephen Lubben, docente e specialista in bancarotte alla Seton Hall University School of Law.

La Gm, che ha ricevuto 15,4 miliardi di dollari in aiuti federali, deve completare la ristrutturazione entro il primo giugno o finire in bancarotta come è successo alla Chrysler.