Autostrade più care. Rincari 2014: media 4%, ma alcuni superano il 10%. L’elenco

di Redazione Blitz
Pubblicato il 28 Dicembre 2013 10:22 | Ultimo aggiornamento: 28 Dicembre 2013 10:22
Autostrade più care. Rincari 2014: media 4%, ma alcuni superano il 10%. L'elenco

Casello autostradale sulla A1 (foto Lapresse)

ROMA – Autostrade più care nel 2013. L’aumento medio sarà del 4% ma alcune tratte potrebbero aumentare il proprio pedaggio di oltre il 10%. Laura Serafini sul Sole 24 Ore ha selezionato le richieste dei vari gruppi che gestiscono tratte stradali.

I rincari più consistenti, scrive Serafini, si concentreranno al Nord. E’ qui infatti che si concentrano le società che hanno inoltrato al ministero dei Trasporti le richieste più “esose”:

è il caso delle autostrade valdostane, come la Rav, raccordo autostradale valdostano del gruppo Autostrade per l’Italia, che ha chiesto un incremento attorno al 14,5% (contro il 14,44% dello scorso anno) e della Sav del gruppo Gavio che ha chiesto adeguamenti attorno al 12% (contro l’11,55% dello scorso anno).

L’elenco continua:

Autovie Venete che hanno chiesto un adeguamento del 12,9% (contro il 12,63% precedente) e con il Passante di Mestre che ha richiesto un incremento tra il 13 e il 14 per cento. Aumenti attorno al 10% sono stati proposti per i due tronconi della A4, Torino-Milano e Torino-Piacenza, gestiti dal gruppo Gavio.

Più contenute, spiega Serafini, le richieste di Autostrade per l’Italia, che gestisce ancora la maggior parte delle tratte:

Autostrade per l’Italia, la cui convenzione principale interessa 17 tra le maggiori tratte nazionali tra cui la Napoli-Milano, dovrebbe prevedere aumenti medi attorno al 3,6%