L’allarme della Banca Mondiale: in Asia pericolo di bolle speculative

Pubblicato il 19 Ottobre 2010 12:42 | Ultimo aggiornamento: 19 Ottobre 2010 12:54

La Banca mondiale ha tagliato le sue stime sulla crescita della Cina e delle economie emergenti dell’Asia orientale per il 2011, lanciando un allarme sul rischio di una ”nuova bolla finanziaria”. La ripresa – si legge in una nota dell’istituzione di Washington – ”e’ robusta, ma ora serve attenzione nel gestire i rischi che stanno emergendo e che potrebbero minare la stabilita’ macroeconomica”.

Le economie emergenti dell’Asia orientale – si legge nel documento – vedranno nel 2011 una crescita del 7,8%, in rallentamento dall’8,9% del 2010 e peggiorata rispetto alla stima precedente di un +8%. La banca mondiale punta il dito contro i forti afflussi di capitali verso le economie della regione, che non include Giappone, Sud Corea, Taiwan, Hong Kong, Singapore e India: ”Se gli afflussi dovessero restare così forti, specie nel caso di una crescita globale debole, le autorità finanziarie dovranno gestire la sfida posta dalla stabilità del settore finanziario e dalla necessità di avere una bassa inflazione”, dice Vikram Nehru, responsabile della Banca mondiale per la regione.