Banche, aziende, governo. Corrado Passera (Intesa): “Il credito c’è, nonostante tutto. Quel che manca è uno shock positivo”. E rimanda la palla nel campo della politica e del governo

Pubblicato il 24 Luglio 2009 13:18 | Ultimo aggiornamento: 24 Luglio 2009 13:44

corrado_passeraDa Tremonti arriva un rimprovero a settimana, qualcuno anche di carta vetrata. Da Confindustria arriva un lamento al giorno, qualcuno anche disperato. Da Draghi arriva un appello al mese, con preoccupata cadenza. Tutto e tutti rivolti alla banche italiane che non danno credito sufficiente alle aziende, negano ossigeno all’economia, insomma, se non “remano contro”, non remano affatto: stanno immobili a bordo e consumano le razioni. Corrado Passera, amministratore delegato di Intesa San Paolo, in un’intervista a “Repubblica” non solo difende le banche, fin qui saremmo all’oste che assicura della bontà del vino. Passera fa altro: dice che il problema, il problema dei problemi, non è il credito ma “il sistema paese”.

“Per alcune aziende la liquidità è un grave problema e non sempre si può compensare con credito la mancanza di risultati e patrimonio. Un’altra forte fonte di tensione finanziaria è l’ormai cronico ritardo dei pagamenti sia da parte dei privati che del pubblico: almeno 100 miliardi di indebitamento del Pmi derivano da questo fenomeno…Se le fatture da scontare diminuiscono o la sostituzione del tornio viene rimandata il credito non può che ridursi…”.

Secondo la lettura di Passera la crisi economica, fatturati, export, consumi e investimenti in “drammatico” calo, piega, deforma e qua e là spezza il sistema produttivo e non c’è “colla” di credito che possa tenerlo in piedi. Credito che le banche erogano non loro malgrado ma nonostante tutto: “quasi il 70 per cento dei nostri 500 miliardi di credito sono alle imprese…61 miliardi di questi affidamenti deliberati non sono utilizzati”.

Se il credito c’è, allora cosa manca. Qui Passera comincia a parlare da banchiere e cittadino insieme: “Serve uno schock positivo…patrimonio pubblico da valorizzare, spesa corrente su cui risparmiare, livello vergognoso di evasione fiscale da combattere”. E’ l’indicazione di dove trovare risorse per superare i ritardi di sistema: “autostrade, porti, termovalorizzatori, gassificatori, banda larga, scuole, ospedali, musei…”. E poi: “mobilità, meritocrazia, capacità decisionale, qui c’è il nostro problema maggiore che logora non solo l’economia ma, nel tempo, anche la democrazia”.

Per riassumere in un paio di parole quel che manca secondo Passera è una politica e un governo. L’intervistatore gli domanda se il suo sia un programma politico e se  si prepari a una discesa in campo. “Chiacchiere, di questa storia si parla da 10 anni…”.