Banche inglesi “svaligiate” dal virus Zeus, 19 arresti per la cyber truffa da 6 milioni di sterline

Pubblicato il 30 Settembre 2010 - 09:28 OLTRE 6 MESI FA

Sterline

Ruba gli account di accesso alle banche, si impossessa dei dati e svaligia i conti. Zeus, il virus protagonista delle nuove cyber truffe questa volta ha colpito colossi bancari del calibro di HSBC Holdings PLC  e Royal Bank of Scotland Group PLC.

La polizia inglese ha arrestato 19 persone, quindici uomini e quattro donne. Tutti coinvolti in una frode telematica da 6 milioni di sterline (in soli tre mesi) che potrebbe anche avere oltrepassato i confini del Regno Unito. A Scotland Yard, quartier generale degli agenti londinesi, temono che il trojan incubo sia riuscito ad ingannare milioni di utenti, facendo inserire i loro dati personali in pagine web fasulle create ad hoc che riproducono logo e dettagli di quelle bancarie.

L’ispettore Terry Wilson ha spiegato al Wall Street Journal: “Crediamo di aver interrotto una fitta rete criminale, che ha usato metodi sofisticati per impossessarsi di grandi quantità di denaro dai conti di gente innocente, causando un danno finanziario significativo che le banche ovviamente hanno dovuto rimborsare con  costi elevati per l’economia”.